Homo Carcinomicus: uno sguardo all’oncologia planetaria

di Frank Forencich (The Trumpeter, Journal of Ecosophy, Vol 9, No 4 (1992)

Quando pensiamo al cancro, normalmente pensiamo alle malattie del corpo umano: cancro dei polmoni, del seno, del fegato e della prostata. Pensiamo a virus, DNA, amianto, sigarette e beta carotene. Pensiamo alla chirurgia, alle radiazioni e alla chemioterapia.

Ma l’immagine può essere più grande e il cancro può essere molto più grande di quanto pensiamo. Un cambiamento di paradigma è in corso: invece di guardare la neoplasia come una malattia del corpo umano, molti di noi stanno iniziando a vederlo come una disfunzione che può colpire qualsiasi organismo vivente o ecosistema, persino la Terra stessa.

Nel 1979 James Lovelock introdusse l’ipotesi di Gaia, che sostiene che il pianeta sia un organismo autoregolante o vivente. Ma se la Terra è un corpo vivente, quale ruolo fisiologico giocano gli umani? Che tipo di cellule siamo? Dato lo stato del pianeta e la proliferazione umana esponenziale, la risposta è inevitabile: il cancro.

Numerosi osservatori hanno sottolineato la natura cancerosa degli esseri umani. In Science il 13 maggio 1955, Alan Gregg suggerì “che ci sono alcune interessanti analogie tra la crescita della popolazione umana nel mondo e l’aumento di cellule osservabili nelle neoplasie.” Nel 1990 il Dr. Warren Hem diagnosticò il problema nel suo storico articolo “Perché siamo così tanti?” Tuttavia, “gli umani come il cancro” non è ancora diventato un argomento di discussione diffuso. Nonostante la popolare accettazione dell’ipotesi di Gaia e l’aumento della coscienza ambientale, la metafora degli “umani come il cancro” è ampiamente evitata.

FISIOLOGIA

In effetti, i paralleli tra crescita neoplastica e popolazione umana sono sorprendenti.

  • Entrambi sono disturbi proliferativi caratterizzati da crescita incontrollata.
  • Entrambi tendono a diffondersi in tutto il “corpo” dell’organismo.
  • Entrambi esercitano pressione sul “tessuto” adiacente.
  • Entrambi continuano a crescere anche in condizioni estremamente affollate.
  • Entrambi producono sostanze chimiche che hanno effetti negativi sulle regioni remote dell’organismo.
  • Entrambi generano nuovi mezzi di trasporto per sostenere la loro crescita.
  • Entrambi non riescono a “differenziare” nella forma e nella funzione.

Il cancro è fondamentalmente un disturbo proliferativo, un fallimento nel rispondere ai normali controlli di crescita. Questo è anche il problema dell’umanità. Diecimila anni fa probabilmente non c’erano più di cinque milioni di persone sul pianeta. Oggi ci sono quasi sei miliardi. L’aumento della popolazione negli ultimi 40 anni ha eguagliato l’aumento totale dagli albori della specie umana fino al 1950. La popolazione mondiale ora cresce di 10.000 persone all’ora.

Il problema del cancro non consiste solo nella funzione riproduttiva delle singole cellule, ma anche nella loro straordinaria longevità. Le celle normali hanno una durata programmata preimpostata. Si sviluppano, servono al loro scopo e poi muoiono. Le cellule tumorali, invece, non muoiono nei tempi previsti e non hanno limiti al numero di volte che possono dividersi. Sono, in un certo senso, immortali. Poiché non muoiono, le popolazioni di cellule tumorali continuano ad aumentare a meno che non siano controllate da qualche altra forza. Allo stesso modo, l’aumento della popolazione umana è accompagnato da un tragico allungamento dell’aspettativa di vita umana. Stiamo cercando di aumentarlo a livelli sempre più alti, aspirando, sembra, a raggiungere la longevità della cellula neoplastica.

In un corpo sano, le cellule normali adattano la loro crescita in relazione alle cellule vicine. Quando la densità di popolazione raggiunge un certo limite, un meccanismo di feedback noto come “inibizione del contatto” causa la cessazione della divisione cellulare. Quando si comprime una cellula normale, smette di riprodursi. Le cellule tumorali, d’altra parte, continuano a proliferare nonostante l’affollamento e crescono a densità molto più grandi. Le “cellule” umane presentano la stessa caratteristica. La densità della popolazione ha avuto scarso effetto sui tassi di riproduzione; gli esperti stimano che entro il 2000 ci saranno 20 città con oltre 10 milioni di persone ciascuna. L’umanità moderna sembra aver perso il suo senso di inibizione del contatto, come il cancro.

Il cancro è noto per la sua tendenza a diffondersi oltre il punto di origine in altre regioni del corpo. Il processo inizia quando le cellule tumorali si staccano dalla massa originale, viaggiano attraverso il flusso sanguigno o il sistema linfatico, si attaccano a nuovi siti e iniziano a crescere. In breve, “colonizzano” il nuovo tessuto. La metastasi umana funziona in modo simile. Da quando gli ominidi hanno preso forma in Africa centrale circa 2 o 4 milioni di anni fa, ci siamo diffusi in tutti i continenti del pianeta. Ora abitiamo i deserti del mondo, le foreste pluviali, le praterie e le alte montagne. Abbiamo invaso e colpito praticamente tutto il tessuto planetario e stiamo persino facendo piani per estendere la nostra crescita nel sistema solare e nella galassia locale.

La somiglianza tra uomo e cancro si estende anche ai dettagli del processo metastatico. Nel corpo, le cellule tumorali si infiltrano nel tessuto circostante attraverso un processo chiamato angiogenesi. Un tumore neoplastico secerne enzimi che distruggono le membrane cellulari vicine, permettendo ai capiIIari di penetrare e fornire nutrimento. A questo punto, il tumore diventa vascolarizzato e inizia a crescere estremamente rapidamente. Sulla scala macro, gli esseri umani perseguono una strategia simile. I capillari sono le autostrade, ferrovie e canali che portano cibo e materie prime alle città e ai quartieri. Quando gli esseri umani colonizzano una nuova regione o distretto, una delle prime priorità è quella di liberare la terra e costruire questi mezzi di trasporto per facilitare il commercio con il “corpo” del mondo esterno. Una volta che le strade sono state costruite, la comunità è “vascolarizzata” e inizia a crescere rapidamente.

Il cancro e la popolazione umana sono simili anche nel loro metabolismo, nel consumo di risorse e nella produzione di rifiuti. Nei primi anni ’30 Otto Warburg scoprì che le cellule cancerose usano più glucosio e secernono quantità maggiori di acido lattico rispetto ai tessuti normali. Questo è analogo alle popolazioni umane che consumano alti livelli di risorse naturali generando enormi quantità di materiali di scarto.

Un’altra curiosa somiglianza sta nel processo di differenziazione. Quando il tessuto normale cresce, segue una via di sviluppo, una sequenza programmata geneticamente di cambiamenti nella struttura che portano a cellule specializzate o tipo di tessuto come tessuto osseo, epatico, connettivo o neurale. Quando le cellule maturano iniziano a svolgere le normali funzioni di quel tessuto. Significativamente, smettono anche di riprodursi. Le cellule tumorali, tuttavia, sono difettose nella differenziazione. Rimangono bloccate nel percorso di sviluppo e non riescono a sviluppare le forme uniche e le caratteristiche funzionali delle cellule normali. In questo senso, il cancro è un problema di sviluppo.

Vediamo un processo simile al lavoro sulla scala macro. Come le cellule, anche gli esseri umani si differenziano. Come individui, sviluppiamo ruoli sociali specializzati: una persona diventa agricoltore, un’altra diventa programmatore di computer, un’altra poeta. Ognuno di noi segue un percorso evolutivo ed educativo, che porta a forme e funzioni professionali uniche. La mancata realizzazione di un ruolo sociale funzionante può essere descritta come una mancata differenziazione. Quando la qualità educativa e le opportunità economiche si deteriorano, anche noi viviamo un problema di sviluppo. Anche gli esseri umani si differenziano culturalmente. Una tribù o gruppo etnico sviluppa i propri rituali, le pratiche e la visione del mondo; è una forma specializzata che fornisce un contributo unico al panorama culturale umano. Una varietà di forme culturali differenziate consente all’organismo sociale di adattarsi alle mutevoli condizioni. La perdita di diversità culturale, come la perdita di biodiversità, minaccia la sopravvivenza dell’organismo più grande.

PROGNOSI

Quando intraprendiamo un esame completo della biosfera, troviamo impossibile sfuggire alla conclusione che il paziente planetario è gravemente ammalato, forse morente. I sintomi sono il grave impoverimento dell’ozono, il riscaldamento globale, la deforestazione, la perdita di biodiversità, l’erosione del suolo superficiale, tutto risultato di una popolazione umana scatenata e eccessivamente consumista. I nostri principali “organi” sociali stanno perdendo la loro efficacia a causa dell’eccessivo affollamento; i sistemi governativi, giudiziari, sanitari e di trasporto sono tutti saturi e quasi in stallo. Il paziente chiaramente soffre.

Se un oncologo dovesse fare una diagnosi sul paziente Terra, probabilmente lo dichiarerebbe in condizione di stato IV: “Il tumore non è più incapsulato: le metastasi sono diffuse in tutto il corpo, poche possibilità di guarigione, sebbene ci siano alcune eccezioni degne di nota”. Poiché la crescita è altamente metastatizzata, probabilmente è maligna, stiamo vivendo una “emergenza oncologica”. Dobbiamo agire ora.

TERAPIA

Quando si tratta di un corpo umano affetto da cancro, l’oncologo ha in genere tre opzioni di trattamento disponibili: “tagliare, bruciare o avvelenare” (trattamento chirurgico, radioterapico o chemioterapico). Incredibilmente, questo è esattamente ciò che stiamo facendo alla biosfera: stiamo tagliando, bruciando e avvelenando i principali “organi” planetari. Ovviamente, stiamo attaccando il bersaglio sbagliato; ci stiamo comportando come se la stessa Gaia fosse la malattia. Questo è come una disfunzione del sistema immunitario in cui il corpo attacca il suo stesso tessuto.

Certo dobbiamo puntare a limitare la crescita dell’umanità, ma per l’oncologo planetario tagliare, bruciare o avvelenare la neoplasia umana non è un’opzione praticabile. Il genocidio sarebbe, nel migliore dei casi, una soluzione a breve termine che non risolverebbe il problema della proliferazione. Anche se si potesse in qualche modo far sparire 2 miliardi di esseri umani dalla biosfera, la crescita aumenterebbe per riempire il vuoto; dopo 50 anni, il paziente avrebbe una ricaduta. Inoltre, l’innalzamento brusco del tasso di mortalità avrebbe tutta una serie di effetti collaterali e ripercussioni che metterebbero in pericolo il paziente con la stessa sicurezza dell’attuale crisi.

Invece, abbiamo bisogno di un trattamento che sia sistemico e riabilitativo. Il problema della popolazione è più di un semplice numero. I tassi di crescita esplosivi dipendono da numerosi fattori sociali, culturali e biologici: povertà, mancanza di accesso all’assistenza sanitaria e negazione dei diritti delle donne per citarne alcuni. Ridurre semplicemente i tassi di natalità non sarebbe sufficiente; il “trattamento” deve agire su più livelli. Proprio come un buon oncologo applica una varietà di trattamenti tra loro coordinati, anche noi dobbiamo applicare diversi trattamenti contemporaneamente. Oltre all’ovvia necessità di mettere in atto vigorosi programmi di controllo delle nascite, dobbiamo:

  • rivedere completamente la nostra filosofia economica e culturale allontanandoci dall’obiettivo della crescita e andando verso quello della sostenibilità;
  • ridurre il consumo di risorse;
  • ridistribuire la ricchezza tra Nord e Sud;
  • migliorare i diritti delle donne;
  • dedicare maggiore attenzione alla salute e al benessere dei bambini;
  • promuovere la “terapia di differenziazione”, maggiori opportunità educative ed economiche per individui e culture;
  • proteggere il “tessuto” sano, in particolare le aree selvagge;
  • rallentare la metastasi quando possibile con controlli di crescita a tutti i livelli;
  • moderare i nostri sforzi per il controllo della morte: rendere la pratica medica più affermativa della vita e meno sfidante della morte;
  • iniziare a comportarsi più come partecipanti fisiologici al funzionamento dell’organismo e meno come agenti patogeni invasori.

Il trattamento per questa emergenza oncologica deve iniziare con l’educazione e la consapevolezza. Gli oncologi concordano che lo strumento più prezioso nella lotta contro il cancro è l’istruzione pubblica; più persone conoscono i fattori di rischio e prevenzione, più facile è il trattamento. Ciò che è vero per il livello micro è anche vero per il livello macro; di tutti i trattamenti che potremmo usare contro il cancro globale, di gran lunga il più promettente è l’educazione e la coscienza ecologica. La cura per il cancro è la consapevolezza della nostra relazione con il nostro “organismo ospitante”.

La differenza fondamentale tra una cellula cancerosa e l’essere umano è la capacità di “consapevolezza dell’ospite”. La cellula cancerosa maligna conosce solo il suo ambiente cellulare locale; gli impulsi chimici e neurali che si ottengono sulla membrana cellulare. Una cellula del cancro del polmone, per esempio, non può viaggiare al di fuori del suo organismo ospitante e scoprire la totalità della sua situazione; può solo “pensare localmente”.

Un essere umano, al contrario, ha la capacità di diventare pienamente consapevole dell’organismo globale che lo ospita. Attraverso il viaggio, lo studio e la comunicazione, una persona può scoprire l’organismo più grande di cui fa parte. Può vedere gli effetti del suo comportamento e le implicazioni per la sua stessa sopravvivenza. Più importante, quella persona può cambiare il suo comportamento per essere coerente con la salute dell’organismo ospitante.

La consapevolezza dell’entità che ci ospita è vitale per il processo terapeutico. Più il nostro stato mentale è ristretto, locale o egoico, più neoplastico sarà il nostro comportamento. Più la nostra coscienza è espansa, globale ed ecologica, più sana sarà la nostra relazione con il corpo planetario. La morte per cancro non è inevitabile se prestiamo attenzione al benessere del grande organismo che ci ospita. A differenza di una cellula cancerosa, possiamo esercitare scelte personali e politiche. Possiamo capire come funziona la biosfera. Possiamo agire per salvare Gaia e quindi noi stessi.

Il più grande ostacolo a un trattamento efficace è la negazione. Nessuno vuole parlare del cancro planetario; l’argomento è strettamente tabù in quasi tutti i campi del discorso. Ma il trattamento richiede che superiamo gli ostacoli sociali e psicologici alla crescita del cancro e della popolazione umana: paura, procrastinazione nella ricerca di cure, riluttanza all’autostima e negazione dell’esistenza effettiva della condizione. L’oncologo planetario deve agire per portare la questione nel forum pubblico. Dobbiamo portare la questione della popolazione umana sotto i riflettori e tenerla lì.

Come in tutti i casi di cancro, il tempo è prezioso. Se procrastiniamo nel trattare la nostra condizione, saremo costretti ad affrontare due alternative estremamente spiacevoli. Da un lato, dovremo sopportare il livello estremamente alto di “danno collaterale” che deriva dal trattamento aggressivo. Più a lungo riusciamo a controllare la nostra crescita e a ridurre i nostri consumi, più radicale sarà il trattamento. Misure drastiche come i limiti imposti dal governo sulle dimensioni della famiglia, il controllo forzato delle nascite e il razionamento severo causeranno danni collaterali sotto forma di repressione, legge marziale, tirannia e conflitto sociale diffuso.

Se, d’altra parte, non riusciamo ad agire, le conseguenze saranno davvero spiacevoli. La capacità di carico della biosfera è finita; abbiamo raggiunto il limite massimo degli esseri umani che possono vivere sul corpo planetario. Se non cambiamo il nostro comportamento, Gaia risolverà il problema per noi. I nostri tassi di mortalità aumenteranno in modo esponenziale a causa di carestie, malattie e violenze scatenate dalla densità. La popolazione umana calerà, in un modo o nell’altro.

L’estensione e la gravità del cancro globale richiede un trattamento immediato e decisivo; trattamenti palliativi o pannicelli caldi non saranno efficaci. Sfortunatamente, la maggior parte dell’attuale azione ambientale è rivolta ai sintomi, non alle cause sottostanti. L’azione contro l’inquinamento atmosferico, la deforestazione e il riciclaggio è certamente necessaria, ma principalmente serve ad alleviare la sofferenza a breve termine del paziente, non a curare. Senza un vigoroso controllo delle nascite e della crescita, i nostri sforzi ambientali saranno poco più che “cure per gli hospice planetari” – aiuto e conforto ai morenti.

Accettare la definizione di “umani come cancro” può essere terrificante e deprimente. Nessuno vuole pensare a se stesso come a una cellula maligna. Nessuno vuole pensare alla sua comunità come a un tumore. Le implicazioni sono terrificanti; lo spettro del cancro planetario richiede di rivalutare le nostre credenze di base su argomenti come la maternità, la famiglia, la crescita, la salute, il controllo delle nascite, la responsabilità sociale e il comportamento criminale. Questo processo curativo sarà osteggiato da molte persone, culture e organizzazioni.

Tuttavia la ricompensa di questa indagine potrebbe essere enorme. “Gli umani come un cancro” ci descrive come un agente patogeno. ma ci mette anche in una relazione intima con il mondo naturale, il nostro organismo ospitante. In questa prospettiva, non siamo separati; noi siamo della Terra. Potremmo essere difettosi nel controllo della crescita, ma siamo comunque cellule in un organismo più grande. Anche come tessuto neoplastico, l’umanità appartiene alla Terra.

Quando ci poniamo la domanda “siamo un cancro?” ci poniamo in un nuovo universo di relazioni e possibilità: accettando semplicemente la possibilità di “esseri umani come cancro”, ci dichiariamo disponibili a rivedere le nostre ipotesi più vicine su chi siamo, qual è il nostro ruolo e cosa costituisce un comportamento intelligente e morale Questa accettazione può essere esattamente la prescrizione che siamo andati ricercando.

________________________________________________________________________________________

Frank Forencich (8467 Sands Rd., Bainbridge Island, WA 98110) è uno scrittore free-lance e insegnante di arti marziali a Bainbridge Island, Washington. Il suo background include la biologia umana (Stanford, 1979), l’arrampicata su roccia e i viaggi nella natura selvaggia.

___________________________________________________________________________________________

Pubblicato nell’autunno 1992 su The Trumpeter – Journal of Ecosophy e nell’inverno 1992 – 1993 su Wild Earth organo della Cenozoic Society Homo carcinomicus – A Look at Planetary Oncology

 

2 pensieri riguardo “Homo Carcinomicus: uno sguardo all’oncologia planetaria

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close