Umani come il cancro

di A. Kent MacDougall

Quando un punto sulla pelle di una persona cambia colore, diventa duro o ruvido e rialzato o ulcerato, sanguina, si squama, ha le croste e non riesce a guarire, è il momento di consultare un medico. Questi sono i primi segni di un cancro della pelle.

Come osservato dagli astronauti e fotografato dai satelliti nello spazio, milioni di edifici creati dall’uomo sulla superficie della Terra non assomigliano a null’altro che alle condizioni della pelle dei malati di cancro. La trasformazione dei contorni naturali della Terra nei modelli geometrici dei campi coltivati, il raddrizzamento dei fiumi sinuosi in vie d’acqua canaliformi e il disboscamento delle foreste in settori a scacchiera sono del tutto simili alla perdita dei segni normali della pelle nelle vittime di cancro. Le foreste verdi incastonate nella macchia marrone e le praterie ingraticciate acolorite nella landa bianca sono tra i cambiamenti nel colore della Terra. Autostrade, strade, parcheggi e altre superfici pavimentate hanno indurito la superficie terrestre, mentre le città l’hanno resa ruvida. Cumuli di scorie e discariche possono essere paragonati alle lesioni cutanee in rilievo. Miniere a cielo aperto, cave e crateri di bombe, compresi i 30 milioni lasciati dalle forze statunitensi in Indocina, assomigliano a ulcerazioni della pelle. Il sale filtra nei campi coltivati irrigati in modo improprio, facendoli somigliare a piaghe squamose e marcescenti. I segni di sanguinamento includono lo scarico di liquami umani, gli effluvi provenienti dalle fabbriche e il drenaggio dalle miniere di acido in corsi d’acqua adiacenti, e l’erosione del terreno superficiale dalle colline disboscate che fa divenire i fiumi, i laghi e le acque costiere gialle, marroni e rosse. L’anello rosso intorno a gran parte del Madagascar, visibile dallo spazio, colpisce alcuni osservatori come un sintomo che l’isola stia sanguinando a morte.

Se il cancro della pelle fosse tutta quella terra malata, il recupero finale del pianeta sarebbe meno dubbio. Ad eccezione del melanoma maligno, il cancro della pelle è solitamente curabile. Ma i paralleli tra il modo in cui il cancro progredisce nel corpo umano e l’impatto progressivamente maligno degli esseri umani sulla Terra sono più profondi della pelle. Consideriamo:

  • Le cellule tumorali proliferano rapidamente e incontrollabilmente nel corpo;gli umani continuano a proliferare rapidamente e incontrollabilmente nel mondo.
  • Le cellule tumorali affollate si induriscono nei tumori; gli umani si affollano nelle città.
  • Le cellule tumorali si infiltrano e distruggono i tessuti normali adiacenti;l’espansione urbana divora la terra aperta.
  • I tumori maligni liberano cellule che migrano verso parti distanti del corpo e creano tumori secondari; gli umani hanno colonizzato quasi ogni parte abitabile del globo.
  • Le cellule tumorali perdono il loro aspetto naturale e le loro funzioni distintive; gli esseri umani omogeneizzano diversi ecosistemi naturali in monoculture artificiali.
  • I tumori maligni espellono enzimi e altre sostanze chimiche che influenzano negativamente le parti remote del corpo;i veicoli a motore, le centrali elettriche, le fabbriche e le fattorie degli esseri umani emettono tossine che inquinano gli ambienti lontani dal punto di origine.

Un tumore maligno continua a crescere anche se la sua appropriazione di nutrienti e l’interruzione delle funzioni vitali distruggono il suo ospite. Allo stesso modo, le società umane minano la loro propria redditività a lungo termine esaurendo e contaminando l’ambiente. La civiltà è come il cancro, il successo iniziale genera un eccesso autodistruttivo.

È facile liquidare come assurda e repellente l’analogia tra il “cancro malattia degli esseri umani” e “gli esseri umani come malattia del pianeta”, o come semplice metafora, piuttosto che come un’ipotesi unica, richiesta dalla sua evidente somiglianza. Solo una manciata di periodici a circolazione limitata, compreso questo (vedi Forencich 1992/93), hanno concesso alla teoria un minimo di spazio.

Accettare il concetto di uomo-come-cancro diventa più facile se si accetta l’ipotesi di Gaia, cioè che il pianeta funzioni come un singolo organismo vivente. A dire il vero, la Terra è per la maggior parte inanimata. La sua superficie rocciosa e acquosa supporta solo uno strato relativamente sottile di piante, animali e altri organismi viventi. Ma anche un albero maturo è per lo più legno morto e corteccia, solo il suo strato di pelle sottile e le sue foglie, i suoi fiori e i semi sono effettivamente vivi. Eppure l’albero è un organismo vivente. La Terra si comporta come un organismo vivente nella misura in cui la composizione chimica della sua crosta rocciosa, degli oceani e dell’atmosfera hanno sostenuto e influenzato i processi biologici degli organismi viventi per diversi miliardi di anni. Questi processi auto-sostenentisi e autoregolantisi hanno mantenuto la temperatura superficiale della Terra, la concentrazione di sale negli oceani e di ossigeno nell’atmosfera e altre condizioni favorevoli alla vita.

James Lovelock, che proponeva l’ipotesi di Gaia nel 1979, inizialmente respinse gli impatti simili al cancro degli umani come un corollario, dichiarando categoricamente: «Le persone non sono in alcun modo come un tumore» (Lovelock 1988, p. 177). Ma in poco tempo modificò questa visione osservando: «Gli esseri umani sulla Terra si comportano in qualche modo come un microrganismo patogeno, o come le cellule di un tumore o di una neoplasia» (Lovelock 1991, 153).

Altri hanno sostenuto il collegamento più insistentemente. «Se immagini la Terra e i suoi abitanti come un singolo organismo autosufficiente, sulla falsariga del popolare concetto di Gaia, allora noi umani potremmo essere considerati agenti patogeni», Jerold M. Lowenstein, professore di medicina all’Università della California, San Francisco, ha scritto. «Stiamo infettando il pianeta, crescendo incautamente come fanno le cellule cancerogene, distruggendo le altre cellule specializzate di Gaia (cioè estinguendo altre specie) e avvelenando la nostra riserva d’aria …. Da una prospettiva Gaian … la principale malattia da eliminare siamo noi» (Lowenstein 1992).

Il dott. Lowenstein non è il primo medico a esaminare il pianeta come un paziente e a trovarlo affetto da cancro umanoide. Alan Gregg ha aperto la strada alla diagnosi. Come funzionario di lunga data della Rockefeller Foundation, responsabile della elargizione di sovvenzioni finanziarie per migliorare la salute pubblica e l’educazione medica, il dott. Gregg ha viaggiato molto negli anni successivi alla seconda guerra mondiale e ha osservato il boom della popolazione a livello planetario. Nel 1954 ne aveva viste abbastanza. In un breve documento consegnato a un simposio e successivamente pubblicato su Science, Gregg (1955) paragonò il mondo a un organismo vivente e l’esplosione del numero umano a una proliferazione di cellule cancerose. Ha delineato altri parallelismi tra il cancro negli umani e l’impatto del cancro sul mondo. E ha espresso la speranza – non realizzata fino ad oggi – che «questo commento un po’ bizzarro sul problema della popolazione possa promuovere un nuovo concetto di autocontrollo umano».

È capitato a un medico, che è anche un epidemiologo, di arricchire e completare l’analisi abbozzata da Gregg. Warren M. Hern ha scritto la sua tesi di dottorato di ricerca dissertando su come l’intrusione della civiltà occidentale abbia aumentato i tassi di natalità tra gli indiani peruviani dell’Amazzonia. Fa la sua parte per mantenere basso il tasso di natalità negli Stati Uniti gestendo una clinica per aborti a Boulder, in Colorado. Hern (1990) ha pubblicato un importante articolo, ricco di particolari e prove antropologiche, ecologiche e storiche, sul perchè la specie umana costituisce un “eco-tumore maligno”. Ha proposto di rinominarci Esofago omo (per “l’uomo che divora l’ecosistema”). Le illustrazioni che accompagnano l’articolo includevano fotografie aeree delle città degli Stati Uniti sovrapposte a foto somiglianti di tumori cerebrali e polmonari.

Il dott. Hern ha consegnato articoli sull’ipotesi ai simposi organizzati dalla Population Association of America, dall’American Association for the Advancement of Science e dall’American Public Health Association. Due articoli sono stati successivamente pubblicati (Hern 1993a, 1993b). Ma in generale la comunità scientifica non ha preso sul serio la sua ipotesi, preferendo vederla come una semplice metafora o analogia. In effetti ha suscitato ostilità in alcuni ambienti. Quando Hern presentò l’ipotesi alla Conferenza internazionale sulla popolazione e lo sviluppo al Cairo nel 1994, gli ascoltatori reagirono con rabbia e con una minaccia: “Sei pronto a morire?” Un conduttore di talk show radiofonico di Denver ha chiamato Dr. Hern un “ecoquack” e un “compagno in regola della scuola Sky-Is-Falling”.

Tale disprezzo può essere visto come un’altra similitudine tra il cancro e il flagello umano e dell’uomo come piaga cancerogena del mondo. Così come Warren Hern ha incontrato l’indifferenza, il negazionismo e addirittura l’ostilità nei confronti dei suoi punti di vista, fino a poco tempo fa i medici americani tenevano abitualmente al buio i loro malati di cancro sulla natura della loro malattia. L’obiettivo era di risparmiare ai pazienti lo shock, la paura, la rabbia e la depressione che le cattive notizie comunemente evocano. Le famiglie erano riluttanti ad ammettere che un parente era morto di cancro, e i necrologi dei giornali si riferivano eufemisticamente alla causa di una morte per cancro come “una lunga malattia”. In Giappone il cancro rimane un argomento tabù. I sondaggi della pubblica opinione indicano che le persone preferirebbero non sapere se hanno il cancro e i medici preferirebbero non dirglielo. Quando l’imperatore Hirohito morì di cancro al duodeno, i suoi dottori mentirono, dicendo a lui e al pubblico che aveva “pancreatite cronica” (Sanger 1989).

Negli Stati Uniti, anche alcuni analisti ecologicamente illuminati rimangono negativi quando si tratta di discutere dell’ipotesi dell’uomo come cancro planetario. Christopher D. Stone, professore di giurisprudenza all’Università della California del Sud e figlio dell’ultimo giornalista di sinistra I.F. Stone, ha scritto un influente saggio sulla legge ambientale, Gli alberi dovrebbero stare in piedi? Verso i diritti legali per gli oggetti naturali. Ma nel suo ultimo libro Stone (1993, p.4) mette in dubbio la proposizione che “la terra ha il cancro e che il cancro è l’uomo“. «L’interdipendenza delle parti della terra non equivale all’interdipendenza degli organi all’interno di un vero organismo», osserva. «La terra nel suo complesso, compresa la sua rete web, non è così fragile … le relazioni di Gaian non sono così finemente, così precariamente sintonizzate».

Persino gli ecologisti “profondi” riconoscono che la Terra è qualitativamente diversa da un vero organismo, che il suo legittimo status di superecosistema non riesce a qualificarlo come un superorganismo. Frank Forencich, che ha sostenuto in “Homo Carcinomicus: A Look at Planetary Oncology” (Forencich 1992/93) che «i paralleli tra crescita neoplastica e popolazione umana sono stupefacenti», ammette che anche un inverno nucleare non distruggerebbe completamente la biosfera vivente, tanto meno la litosfera, l’idrosfera e l’atmosfera inanimate. «Non possiamo uccidere l’organismo che ci ospita», dice. «La civiltà si disgregherà prima che la biosfera scompaia». (Forencich 1993).

Un’altra obiezione è che qualsiasi generalizzazione sul cancro è sospetta perché il cancro non è una singola malattia, ma piuttosto un gruppo di oltre 100 malattie diverse per causa e caratteristiche. Alcuni tumori – per esempio il cancro al seno – crescono tipicamente rapidamente e si diffondono in modo aggressivo. Altri, come il cancro dell’intestino tenue, di solito crescono lentamente. Il cancro alla prostata cresce spesso così lentamente da non causare problemi. «È completamente possibile che un organismo abbia cellule tumorali per tutta la vita e non subisca alcun effetto negativo» (Garrett 1988, p.43).

La mancanza di una corrispondenza perfetta tra il cancro (malattia negli esseri umani) e gli effetti cancerogeni degli umani sulla Terra invalida per alcuni osservatori il concetto di uomo-come-cancro. Ma Warren Hern insiste sul fatto che l’uomo-come-cancro è un’ipotesi perché è soggetto a verifica o confutazione e perché è utile come base per ulteriori indagini. Frank Forencich, al contrario, è contento di considerare il concetto una metafora. «Che gli umani siano come il cancro è indiscutibile», dice. «Ma gli umani non sono il cancro stesso

Sia come metafora che come ipotesi, la proposizione che gli umani agiscono come cellule tumorali maligne merita di essere presa sul serio. La proposizione offre un’interpretazione unificante di fenomeni apparentemente non connessi come la distruzione degli ecosistemi, il decadimento delle città interne e la globalizzazione della cultura e delle merci occidentali. Fornisce una preziosa prospettiva macrocosmica sugli impatti umani, oltre a una prospettiva storica rivelatrice nel tracciare le tendenze cancerogene degli esseri umani nei tempi più antichi.

I progenitori degli esseri umani moderni esibivano una delle caratteristiche più significative delle cellule cancerogene, la perdita di adesione, da uno a due milioni di anni fa. Poiché le cellule tumorali sono attaccate più liberamente tra loro rispetto a quelle normali, si separano facilmente, si muovono in modo casuale e invadono i tessuti adiacenti a quelli da cui provengono. I nostri diretti antenati Homo erectus, ha dimostrato questa caratteristica nel migrare dall’Africa. Vivendo in piccoli gruppi mobili, questi cacciatori / raccoglitori si sono diffusi in tutta l’Asia e in Europa. La successiva specie ominide nella linea evolutiva, Homo sapiens, estese la dispersione in foreste e tundra settentrionali precedentemente inabitabili. I successori, anatomicamente moderni, ‘Homo sapiens sapiens, si è diffuso in tutti i continenti e nelle principali isole senza ghiaccio. Con l’aiuto di vestiti, riparo, tecnologia e forniture importate, ora occupa foreste, zone umide, deserti, tundra e altre aree precedentemente considerate troppo umide, troppo asciutte, troppo fredde o troppo remote per l’abitazione umana. Gli umani ora occupano, o hanno alterato e sfruttato, da due terzi a nove decimi (le stime variano) della superficie terrestre del pianeta. Sembra solo una questione di tempo prima che prendano il sopravvento su tutti gli spazi “vuoti” rimanenti.

L’espropriazione continua del pianeta da parte degli umani è proceduta rapidamente con l’incremento esplosivo del numero degli abitanti del pianeta; e questo ha caratteristiche in comune con la proliferazione delle cellule tumorali. In un corpo sano, i controlli genetici consentono a un gran numero di singole cellule di vivere insieme armoniosamente come un singolo organismo. Gli interruttori genetici segnalano alle cellule normali quando è il momento di dividersi e moltiplicarsi e quando è il momento di separarsi e di essere assorbiti dalle cellule vicine. Quando gli interruttori genetici sono danneggiati, come da sostanze chimiche, radiazioni o virus, possono essere bloccati nella posizione “on”. Ciò trasforma le cellule normali in cellule maligne che si dividono e si moltiplicano ignorando la salute dell’intero organismo.

Quando gli umani vivevano in bande semi-nomadi in armonia con l’ambiente che non dominavano, limitavano il loro numero in modo da non superare l’offerta di cibo di cui potevano disporre raccogliendo e cacciando. Né producevano più figli di quanti potessero trasportare stagionalmente nei campi. Le loro misure contraccettive includevano il coito interrotto (astinenza), i diaframmi e l’allattamento al seno prolungato per deprimere gli ormoni che attivano l’ovulazione. Quando questi metodi fallivano, ricorrevano all’aborto e all’infanticidio. Come normali cellule in un corpo sano, i cacciatori-raccoglitori sembravano sapere quando smettere di crescere.

Ma i contagi tecnologici e culturali sconvolsero questo delicato equilibrio naturale, permettendo agli esseri umani di moltiplicarsi oltre il numero compatibile con la salute armoniosa dell’ecosistema globale. Il primo e ancora il principale contaminante fu il fuoco. Da 400.000 anni fa – forse anche prima – i cacciatori-raccoglitori avevano imparato a controllare e ad usare il fuoco. Era così iniziata la trasformazione dell’essere umano da grande mammifero in competizione con altri feroci predatori a signore indiscusso di tutte le specie, piante e animali. Da allora la dipendenza dalla combustione ha segnato l’esistenza umana e si è trasformata nell’orgia attuale di consumo di combustibili fossili con il potenziale surriscaldamento di Gaia e il pericolo per l’esistenza di tutti i suoi abitanti.

Il fuoco era generalmente benevolo quando veniva usato dai cacciatori-raccoglitori per trasformare fitte foreste in paesaggi più aperti e simili a parchi in cui viveva più selvaggina. Ma l’aumento dell’offerta di cibo conseguente alla caccia più efficace e alla cottura della carne dura e delle piante fibrose hanno fatto crescere di numero le popolazioni di cacciatori-raccoglitori. Man mano che gli umani proliferavano e si espandevano, la caccia diventava eccessivamente sovraffollata, e così la selvaggina grossa e gli alimenti selvatici commestibili iniziarono a scarseggiare. Questo rese la caccia e la raccolta meno fruttuosi, rendendo l’agricoltura, che in precedenza non valeva la pena di uno sforzo extra, come l’unica alternativa praticabile.

La trasformazione delle foreste in fattorie iniziò circa 10.000 anni fa in Asia Minore. Circa 2000 anni dopo, gli agricoltori si mossero e iniziarono a tagliare e bruciare verso nord-ovest attraverso l’Europa. Sconfissero e allontanarono i meno numerosi cacciatori-raccoglitori prima di cedere il passo a quegli agricoltori che, coltivando con gli aratri i campi permanenti, permisero una produzione alimentare più cospicua e popolazioni più numerose.

L’agricoltura costringeva i contadini a una vita breve e dura di lavoro monotono, a una dieta inadeguata, alla costante minaccia della perdita dei raccolti, alla fame e all’esposizione a malattie contagiose virulente. Favoriva la stratificazione sociale e l’ineguaglianza tra i sessi, il trattamento crudele degli animali, il dispotismo e la guerra. E incoraggiava un’ulteriore invasione di tipo cancerogeno delle terre selvagge per nutrire un numero crescente di popolazioni e per sostituire campi e pascoli erosi e impoveriti nella fertilità del suolo a causa della sovrapposizione e del sovrasfruttamento. Le élite che finirono per dominare le società agrarie sedentarie ripulirono un maggior numero di boschi e bonificarono le paludi per massimizzare la produzione che potevano confiscare per il proprio uso. Questo surplus economico, a sua volta, ha contribuito a produrre una crescente concentrazione di persone nelle valli fluviali, lungo le coste e nelle città.

L’ammassamento di esseri umani in città è fin troppo simile al modo in cui le cellule tumorali affollate si induriscono nei tumori. Mentre le cellule normali in una coltura tissutale smettono di riprodursi quando vengono a contatto con altre cellule, le cellule tumorali continuano a dividersi e ad accumularsi l’una sull’altra, formando grumi. Le cellule normali mostrano l’inibizione del contatto, crescendo solo fino ai limiti del loro spazio definito e poi fermandosi. Le cellule tumorali non sanno mai quando smettere.

Allo stesso modo, le popolazioni umane crescono anche in condizioni estremamente affollate. L’essenza stessa della civiltà è la concentrazione delle persone nelle città. Allorquando i villaggi agricoli sparsi si sono evoluti in città, e alcune città sono diventate centri commerciali, manifatturieri, cerimoniali e amministrativi, allora è nata la città. Alimentati dai cereali coltivati nelle province e serviti dagli schiavi ivi catturati, i centri amministrativi degli imperi si ingrandirono; Roma potrebbe aver raggiunto un milione di abitanti al suo apice nel 100 dopo Cristo. Eppure si dovette arrivare all’industrializzazione e all’ampio sfruttamento delle risorse dopo il 1800 perché le città cominciassero a sfuggire di mano. Nel 1900 solo una persona su dieci viveva in città, nel 2000 saranno cinque su dieci, con 20 aree metropolitane che avranno 10 milioni o più di abitanti ciascuna.

La propensione delle città moderne ad ingrandirsi ai danni delle campagne (e ad assorbire villaggi, distruggere campi coltivati, riempire terreni aperti e creare vasti nuovi agglomerati) fu notata agli inizi di questo secolo dal pianificatore scozzese della città giardino Patrick Geddes (1915), che individuò una mezza dozzina di tali “agglomerati urbani” in Inghilterra, e prevedeva l’avvicinarsi di una megalopoli di 500 miglia lungo la costa settentrionale dell’Atlantico negli Stati Uniti. Geddes paragonò l’espandersi delle città a un’ameba, ma è toccato al suo allievo americano Lewis Mumford paragonare l’espansione urbana disordinata, informe e non coordinata a un tumore maligno, osservando che «la città continua a crescere inorganicamente, anzi cancerosamente, da una continua demolizione di vecchi tessuti e una crescita eccessiva di nuovo tessuto senza forma» (Mumford 1961, 543).

Un tumore maligno sviluppa i suoi stessi vasi sanguigni man mano che cresce. Allo stesso modo, le città si vascolarizzano con acquedotti, linee elettriche, autostrade, ferrovie, canali e altri condotti. Un tumore usa la sua rete di circolazione per appropriarsi dei nutrienti dal corpo. Allo stesso modo, le città toccano parassiticamente la campagna e non solo per portare cibo, carburante, acqua e altri beni. Tuttavia, proprio come un tumore alla fine supera il suo afflusso di sangue, causando una parte di esso, spesso al centro, a morire, i quartieri della città interna e anche i sobborghi più vecchi spesso si atrofizzano. Alan Gregg (1955) ha notato questo parallelo 40 anni fa, osservando «come i bassifondi delle nostre grandi città assomiglino quasi alla necrosi dei tumori».

Gli umani sono sempre più concentrati lungo le coste. Il sessanta per cento della popolazione mondiale vive attualmente a 100 chilometri da una costa. In Australia, una delle nazioni più altamente urbanizzate del mondo, nove persone su dieci vivono lungo la costa. Il boom del commercio internazionale, da cui le aree costiere ricevono una quota sproporzionata dei benefici, aiuta a spiegare questa tendenza mondiale; ma il modello risale a migliaia di anni e parallelizza ancora un altro processo cancerogeno: le metastasi.

Nelle metastasi, un tumore elimina cellule cancerose che migrano poi in siti distanti del corpo e creano neoplasie secondarie. Il mezzo per la migrazione delle cellule è il sangue e i sistemi linfatici. Nel mondo antico del Mediterraneo, un altro fluido – l’acqua – ha facilitato la migrazione di persone e merci. Fenici, Greci, Cartaginesi e Romani hanno approfittato della relativa facilità di viaggio e trasporto via acqua per stabilire colonie in tutto il Mediterraneo. All’apice dell’impero romano, non meno di 500 insediamenti fiorirono lungo la costa africana dal Marocco all’Egitto.

Proprio come i tumori secondari nel corpo umano distruggono i tessuti e gli organi che invadono, i colonizzatori dell’antico Mediterraneo hanno devastato i fertili ma fragili ecosistemi delle regioni costiere che hanno colonizzato. Hanno sfruttato le foreste costiere per il legname delle navi e i materiali da costruzione, per fornire carbone a mattoni, terraglie, essenze minerali e per creare campi coltivati e pascoli. Il sovrasfruttamento, gli incendi, il pascolo di pecore e capre hanno impedito la rigenerazione. Intense piogge invernali dilavavano il terreno sottile e facilmente eroso lungo i pendii delle colline nelle pianure costiere per ricoprire i campi agricoli, soffocare le foci dei fiumi, creare paludi malariche, seppellire città portuali e trasformare molte di esse in arenili a miglia dal mare. I pendii, resi sterili, non si sono ancora ripresi.

La voracità dei tumori secondari che invadono e consumano i tessuti e gli organi ha la sua controparte nelle orge di distruzione che gli stati e in particolare gli imperi hanno impegnato per 5000 anni. In molti casi, la distruzione ha superato ciò che era nell’interesse personale del distruttore stesso. Molti invasori cancellarono sistematicamente le città che conquistarono, massacrarono i loro abitanti e distrussero i loro campi e greggi invece di razziarli. Il bombardamento a tappeto delle città e il massacro di massa delle popolazioni civili non combattenti durante la seconda guerra mondiale ne costituiscono l’equivalente moderno. Gli antichi romani riempirono il loro impero di orsi, leoni, leopardi, elefanti, rinoceronti, ippopotami e altri animali vivi da tormentare e uccidere in arene pubbliche fino a quando non ce ne furono più da trovare. Gli invasori europei del Nord America e della Siberia facevano il commercio di pellicce da cui traevano enormi benefici dall’abbattimento autolesionistico di animali da pelliccia.

La distruzione umana degli ecosistemi è aumentata incessantemente dall’industrializzazione. L’annientamento di 60 milioni di bisonti sulle Grandi Pianure del Nord America fu reso possibile dall’introduzione delle ferrovie e dall’invenzione del fucile a ripetizione. Lo sfrenato sfruttamento delle balene fu velocizzato dall’invenzione dell’arpione esplosivo, dell’argano da cannone e della nave a motore. Le enormi reti trascinate dai moderni pescherecci da traino svuotano gli oceani di pesce e di qualsiasi altra creatura abbastanza sfortunata da restare irretita in queste cortine di morte. Trattori e altre macchine agricole moderne alternativamente compattano e polverizzano il terriccio, aumentando la sua vulnerabilità agli agenti atmosferici erosivi. Le motoseghe e i bulldozer spianano le foreste più velocemente delle asce e delle seghe a mano. Gli escavatori con dinamite e le “dragline” consentono di sfruttare i giacimenti su una scala finora inimmaginabile, decapitando le montagne, trasformando i paesaggi in crateri lunari e rendendo quasi inabitabili isole ricche di fosfato come Nauru nel Pacifico meridionale. I fori nella terra per raggiungere i minerali, ovviamente, assomigliano al modo in cui il cancro fora i muscoli e le ossa. Come ha osservato Peter Russell (1983, p.33), “la civiltà tecnologica sembra davvero una rampante crescita maligna che divora ciecamente il proprio ospite ancestrale in un atto egoistico di consumo”.

Proprio come un tumore a crescita rapida ruba nutrienti dalle parti del corpo in buona salute per soddisfare le sue elevate esigenze energetiche, la civiltà industriale usurpa le risorse di ecosistemi sani da cui piante e animali selvaggi dipendono per la sopravvivenza. Nel 1850, gli uomini e il loro bestiame rappresentavano il 5% del peso totale di tutta la vita animale terrestre. Oggi quella parte supera il 20% e entro il 2030 potrebbe raggiungere il 40% (Westing 1990, pp. 110-111).

“Mai prima nella storia della Terra una singola specie è stata così ampiamente distribuita e una così grande frazione delle risorse energetiche monopolizzata, e il rimanente sempre in diminuzione di queste risorse limitate viene ora diviso tra milioni di altre specie. Le conseguenze sono prevedibili: contrazione degli spazi geografici, riduzione delle dimensioni della popolazione e aumento della probabilità di estinzione per la maggior parte delle specie selvatiche, espansione delle gamme e aumento della popolazione delle poche specie che traggono beneficio dall’attività umana e perdita della diversità biologica a tutte le scale da locale a globale ” (Brown e Maurer 1989).

Il declino nella diversità è comune sia al cancro che alla civiltà. In entrambi i casi, l’eterogeneità lascia il posto all’omogeneità, la complessità alla semplificazione. Le cellule maligne non si sviluppano in cellule specializzate dei tessuti da cui derivano. Invece, “le cellule indifferenziate e altamente maligne tendono ad assomigliarsi reciprocamente e i tessuti fetali più delle loro normali cellule omologhe adulte” (Ruddon 1987, p.230).

La de-differenziazione nelle società umane è vecchia almeno quanto l’agricoltura e la zootecnia. Gli agricoltori hanno sostituito diverse specie di piante autoctone con piantagioni di colture domestiche per migliaia di anni. Invece delle migliaia di tipi di piante che i popoli pre-agricoli raccoglievano per il cibo, solo sette prodotti – grano, riso, mais, patate, orzo, patate dolci e manioca – ora forniscono tre quarti del contenuto calorico di tutte le colture alimentari mondiali. L’incredibile abbondanza e varietà di animali selvatici del mondo sta scemando rapidamente, con molte specie che presto si vedranno solo nei giardini zoologici e nei parchi di caccia, e i loro posti saranno occupati da bovini, pecore, capre, maiali e altri animali domestici.

Nonostante il loro valore nel fornire habitat naturale, contenimento delle alluvioni e filtraggio degli agenti inquinanti, più della metà delle paludi, torbiere, pianure alluvionali stagionali e altre zone umide sono state drenate, dragate, riempite, costruite o altrimenti distrutte. Le foreste temperate dominate da alberi di molte specie e di tutte le età stanno cedendo il passo a singole specie, le stesse piantagioni di conifere che sostengono molti meno uccelli e altri animali selvatici. E le foreste tropicali che ospitano più della metà di tutte le specie sulla Terra vengono falcidiate più velocemente della loro sconcertante biodiversità, portando alcuni esperti ad avvertire che stiamo causando la più grande estinzione di massa dalla scomparsa dei dinosauri 65 milioni di anni fa.

La tendenza delle civiltà ad omogeneizzare e impoverire gli ecosistemi non è mai stata più chiara che nelle aree urbane. Le grandi città stanno diventando indistinguibili l’una dall’altra nell’aspetto e indifferenziate nella funzione. I quartieri degli affari centrali si assomigliano così tanto che i viaggiatori possono essere perdonati per aver dimenticato se sono a Boston, Bruxelles o Bombay. Le baraccopoli nei paesi poveri si assomigliano, così come le periferie dei paesi ricchi.

Come ha sottolineato Lewis Mumford più di 30 anni fa, l’archetipo rifugio suburbano negli Stati Uniti è costituito da «una moltitudine di case uniformi e non identificabili, rigidamente allineate, a distanze uniformi, su strade uniformi, in una discarica urbana senza alberi, abitate da persone della stessa classe, con lo stesso reddito, della stessa fascia d’età, che guardano le stesse trasmissioni televisive, mangiano gli stessi cibi precotti e insipidi conservati negli stessi congelatori, che si conformano in ogni aspetto esterno e interno a un modello comune, realizzato nel centro della città. Quindi l’effetto finale della fuga suburbana nel nostro tempo è, ironia della sorte, un ambiente uniforme di bassa qualità da cui la fuga è impossibile» (Mumford 1961, p.486).

La globalizzazione dell’economia sta rinchiudendo il mondo intero in un mercato unico per prodotti fatti a macchina che sono sempre più standardizzati indipendentemente dal loro paese di origine. I valori materiali occidentali e la cultura capitalista delle merci, guidata dalla televisione americana, film, musica, moda di strada e fast food, sono dominanti a livello internazionale. L’individualità locale e regionale, insieme alle culture indigene, alle lingue e alle visioni del mondo, stanno sbiadendo velocemente.

Il declino della diversità naturale e culturale è tanto minaccioso per il pianeta quanto le cellule indifferenziate sono per il malato di cancro. Mentre un carcinoma prostatico ben differenziato tende a crescere lentamente, rimane localizzato e non causa sintomi, uno scarsamente differenziato spesso si diffonde in modo aggressivo. Allo stesso modo, gli agricoltori tradizionali che controllano le erbacce, i parassiti e le malattie delle piante ruotando le colture, concimando naturalmente e prendendosi cura del terreno non minacciano la salute della Terra come le piantagioni monocolturali basate su pesticidi, fertilizzanti sintetici e macchinari pesanti. Sfortunatamente, l’agricoltura monoculturale sta diventando la norma in ogni continente.

L’emorragia è ancora un altro sintomo del processo cancerogeno. Il primo segno del cancro è spesso il sanguinamento spontaneo da un orifizio del corpo, la secrezione da un capezzolo o la trasudazione dolorosa. Il vomito può avvertire di un tumore al cervello o di leucemia. Segni che anche la Terra ha il cancro. Le città vomitano rifiuti dalle abitazioni e dalle industrie in corsi d’acqua adiacenti. Le miniere emettono scorie di mercurio, arsenico, cianuro e acido solforico. I pozzi zampillano, le condutture perdono e le petroliere sversano petrolio. I campi agricoli scaricano nel terreno fertilizzanti, pesticidi e sali per limo e avvelenano fiumi ed estuari. I mangimi per bovini aggiungono letame. Più grave di tutto, disboscate, erose, le colline riversano fiumi di fango.

La febbre è un altro sintomo del cancro sia negli uomini che nel pianeta. Ai malati di cancro viene la febbre a causa dell’aumentata suscettibilità alle infezioni causata da un sistema immunitario depresso. La chemioterapia e l’irradiazione possono anche causare la febbre, così come le sostanze che elevano la temperatura rilasciate da un tumore maligno. Il riscaldamento globale è la controparte planetaria. I prodotti di scarto rilasciati dall’industria e dai veicoli a motore, la deforestazione e le altre attività umane febbrili pompano quantità eccessive di anidride carbonica, protossido di azoto, metano, clorofluorocarburi e altri gas serra nell’atmosfera dove intrappolano il calore e aumentano le temperature.

Il deperimento, o cachessia, è ancora un altro segno di cancro avanzato. Un malato di cancro diventa affaticato e debole, perdendo sia l’appetito che il peso mentre il tumore rilascia ormoni tossici e fa richieste metaboliche al corpo. “Molti malati di cancro non muoiono di cancro in sé, ma di malnutrizione progressiva” (Rosenbaum 1988, p.264). La controparte planetaria include la perdita di foreste, pesca, biodiversità, suolo, acque sotterranee e biomassa.

Non è nell’interesse personale di un tumore rubare sostanze nutritive al punto in cui l’ospite muore di fame, poiché uccide anche il tumore stesso. Eppure i tumori continuano a crescere fino a quando la vittima non si consuma. Un tumore maligno di solito non viene rilevato fino a quando il numero di cellule in esso contenuto è raddoppiato almeno 30 volte da una singola cellula. Il numero di umani sulla Terra è già raddoppiato 32 volte, raggiungendo tale soglia nel 1978 quando la popolazione mondiale ha superato i 4,3 miliardi. Da trentasette a quaranta raddoppi, a quel punto un tumore pesa circa un chilogrammo, sono solitamente fatali (Tannock 1992, pp. 157, 175).

Come un fumatore che ingigantisce il dolore dell’astinenza e persiste perché le conseguenze cancerogene della sua cattiva abitudine non si manifesteranano per 20 o 30 anni, i governi generalmente evitano i dolorosi aggiustamenti necessari per prevenire i disastri sociali, economici e ambientali. “I governi con un mandato limitato, nei paesi in via di sviluppo e nei paesi sviluppati, generalmente rispondono a priorità politiche immediate, tendono a rinviare l’esame delle questioni a lungo termine, preferendo invece fornire sussidi, avviare studi o apportare modifiche frammentarie alla politica” (Hillel 1991, pagina 273). Quindi di solito ci vuole una crisi, spesso una catastrofe, prima che venga intrapresa l’azione più ragionevole – e quindi spesso è troppo tardi per evitare danni ecologici irreversibili.

La prognosi per il pianeta è triste come lo è per un paziente con tumore avanzato? O l’Homo sapiens, infinitamente intelligente ma raramente saggio, modificherà i comportamenti geocidi in tempo utile per evitare la rovina globale? Persino i più pessimisti futurologi ammettono che gli umani hanno la capacità di arrestare la condizione di deterioramento di Gaia. Le cellule tumorali non possono pensare, ma gli esseri umani possono. Le cellule tumorali non possono conoscere l’intera estensione del danno che stanno facendo all’organismo di cui fanno parte, mentre gli umani hanno la capacità di consapevolezza planetaria. Le cellule tumorali non possono modificare consapevolmente il loro comportamento per risparmiare la vita del loro ospite e prolungare il proprio, mentre gli umani possono regolarsi, adattarsi, innovare, ritirarsi, invertire la rotta.

Il futuro di Gaia e degli esseri umani con essa dipende dal fatto che lo facciano.

_________________________________________________________________________________________

A. Kent MacDougall (911 Oxford St., Berkeley CA 94707) è professore emerito di giornalismo all’Università della California, a Berkeley. Ha completato la sua carriera giornalistica di 25 anni nel 1987 con una serie di articoli di 24.000 parole per il Los Angeles Times sulla deforestazione in tutto il mondo e attraverso i secoli. La serie ha vinto il John M. Collier Award for Forest History Journalism della Forest History Society.

_________________________________________________________________________________________

Pubblicato nell’autunno 1996 su Wild Earth, organo della Cenozoic Society Humans as Cancer

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close